La storia del giorno

 

All’Alba gli occhi schiudo,

distendo i miei raggi che fanno da scudo.

Rincorro la luna, è inutile dico,

ritorno a cantare donando un sorriso.

I piccoli amici io esco a cercare,

tristi e ammalati non san dove andare.

Banchette e sorrisi tra diavoli e santi,

luci d’amore e i dolori son tanti.

Piccolo uomo che scruti gli abissi!

Non sai dove andare.

"Ricorda!”, ti dissi. Il giorno vive, la notte muore.

La notte muore, il giorno vive!

Si nasce e si muore, si piange e si ride.

Tutto passa, tutto viene.

Tutto muore, tutto spera!